manuale di polizia idraulica consorzio di bonifica adige po

Il Consorzio di Bonifica Adige Po ha approvato nel 2016 il Regolamento di polizia idraulica. Lo stesso Consorzio ha ritenuto importante divulgarlo con un'apposita pubblicazione cercando di chiarire anche graficamente le parti più importanti dello stesso. Si descrive cosa si intende per fascia di rispetto, vengono esplicitati i divieti e gli obblighi dei consorziati. Sono inoltre presi in socsiderazione i casi eccezionali e la documetazione necessaria per richiedere una concessione o un'autorizzazione. 

In allegato il manuale scaricabile in formato .pdf, alcune copie cartacee sono disponibili presso gli uffici di Zona della nostra Associazione.

Segue l'introduzione inserita nel Manuale di Polizia idraulica del Presidente del Consorzio di Bonifica Adige Po Mauro Visentin

In qualità di presidente del Consorzio di Bonifica Adige Po, in accordo con il Consiglio di Amministrazione, ho pensato di pubblicare il regolamento di polizia idraulica in un formato esplicativo, che prevede il commento degli articoli per renderne facile e comprensibile la lettura.

L'obbiettivo era quello di creare uno strumento utile per definire e riconoscere le responsabilità, le azioni svolte sul territorio consorziale, precisando le funzioni della rete di scolo ed irrigua demaniale e consorziale, nonché per mantenere efficiente la rete idrica minore non di competenza del Consorzio di Bonifica. Il tutto deve essere visto come uno strumento utile per le problematiche o le domande che si presentano agli utenti, i quali si apprestano a progettare o realizzare interventi privati od opere pubbliche, in base alle loro necessità.

Polizia idraulica significa vigilare, presidiare, prevenire danni alla rete idrica demaniale e consorziale soprattutto a fronte dell'importanza che l'acqua ha per il nostro territorio. Un bene prezioso sia per le aree urbane che per quelle agricole, la cui corretta gestione serve a prevenire ed evitare allagamenti.

I destinatari di questo opuscolo sono i Consorziati, urbani e agricoli, i Comuni con le loro Amministrazioni, e le Associazioni di categoria, ovvero tutti coloro i quali, con le loro attività possono influire sulla corretta gestione della rete idraulica sia essa demaniale o consorziale che privata.

Il mio auspicio è che questo opuscolo esplicativo non rimanga solo un semplice pezzo di carta, ma divenga una garanzia e un impegno condiviso da tutti per una sicurezza del territorio a favore delle future generazioni.

IL PRESIDENTE 

Mauro Visentin

Per offrirti il miglior servizio possibile, in questo sito utilizziamo i cookies, continuando la navigazione ne autorizzi l'uso cookies.

Io accetto i cookies da questo sito

EU Cookie Directive Module Information