pac2016

Dal 1 gennaio 2018  saranno valide alcune decisioni prese nei mesi scorsi come ad esempio il divieto di utilizzo dei prodotti fitosanitari sulle superfici oggeto EFA e altri in via di approvazione ma di fatto definite come le migliorie presenti nel pacchetto omnibus che dovrà essere approvato entro fine anno.

Al fine di rendere più agevoli le decisioni per le aziende associate cerchiamo di riassumere, cercando di interpretare al meglio la documentazione ad oggi disponibile, con un occhio particolare per le aziende operanti nella nostra provincia, gli obblighi legati al greening ricordando nel contempo che il mancato adempimento di questi obblighi porta al non pagamento del greening stesso e a una rduzione del 25% sul pagamento base aziendale.

Ricordiamo che gli obblighi relativi al greening si dividono in diversificazione e gestione delle superfici EFA per almeno il 5% della superficie. E' confermata anche per il 2018 la percentuale del 5% sopra i 15 ettari di seminativo aziendale. Le aziende completamente biologiche sono esentate dal focus ecologico EFA.

Relativamente alla diversificazione il pacchetto Omnibus introdurrà la possibilità per le aziende che investono oltre il 75% della loro superficie utile a  colture leguminose (erba medica)  di non  dover individuare altre colture in rotazione come nel caso di coltivazione di oltre il 75% a colture sommerse si è esenti dall'obbligo di diversificare.

Per quanto riguarda la gestione delle superfici EFA l'azienda potrà scegliere tra le seguenti possibilità:

 

1.Terreno a riposo dal 01/01/2018 al 30/06/2018 senza produzione agricola ne' raccolta foraggio. Previste 3 modalità:

- Terreno nudo privo di vegetazione

- Terreno coperto da vegetazione spontanea

- Terreno seminato esclusivamente per colture da sovescio (compost-ammendanti-fertilizzanti)

Sui terreni a riposo è vietato lo sfalcio e gestione meccanica/chimica delle infestanti nel periodo 1 marzo - 30 giugno.

Dal 1 luglio è possibile seminare un nuovo raccolto.

 

2. Utilizzo di elementi caratteristici del paesaggio

- Possibilità di utilizzo come EFA di siepi, fasce alberate, alberi in filare, boschetti (non vincolati a misure PSR), bordi dei campi e fossati.

 A titolo esemplificativo:

- Fossato max 10 m larghezza, fattore di ponderazione 2 (1 mq fosso = 2 mq EFA  esempio 1000 ml di fosso a 3 metri larghezza equivalgono a 6000 mq di EFA)

- Margini dei campi inerbiti, min 1 metro max 20 metri fattore di ponderazione 1,5, ad esempio 200 ml di fascia tampone di 6 metri di larghezza corrispondono a 1800 mq di EFA

- Siepi larghezza max 20 mt, fattore ponderazione 2 (nel caso di siepi e fasce tampone impegnate con mis. PSR si avrà riduzione del 31% del contributo).

- Boschetti (non impegnati con il PSR) superficie max 0,3 ettari (bosco ceduo max 0,5 ettari) fattore di ponderazione 1,5.

- Stagni (maceri) con superficie massima di 0,3 ettari fattore di ponderazione 1,5.

Consigliamo di non inserire capezzagne non inerbite (strade bianche).

 

3. Colture azotofissatrici (es. pisello proteico, soia e erba medica ecc.) con fattore di ponderazione 1,00 (con il pacchetto Omnibus)

- coltivazione con divieto di utilizzo di prodotti fitosanitari per tutto il ciclo colturale (vedi decreto ministeriale allegato)

Dopo la raccolta del prodotto è possibile effettuare una coltura di secondo raccolto con normale uso di fitofarmaci.

 

4. Coltura con miscuglio di azotofissatrici e altre specie (graminacee, crucifere etc.) in cui ci sia la prevalenza di azotofissatrici con almeno il 51% (vedi tabella allegata). Anche in questo caso si applica un fattore di ponderazione di 1,0 (con il pacchetto Omnibus).

 

Per verificare la propria situazione aziendale o per qualsiasi dubbio siete pregati di contattare gli uffici di Zona di Confagricoltura Rovigo.

 

Per offrirti il miglior servizio possibile, in questo sito utilizziamo i cookies, continuando la navigazione ne autorizzi l'uso cookies.

Io accetto i cookies da questo sito

EU Cookie Directive Module Information